Passa ai contenuti principali

Quello che sono

La mia vita in fondo oggi mi va bene così com’è.
Sono indipendente, autosufficiente.
Sono in salute, mi diverto, amo e sono riamata.
Sono single, vivaddio!
Ma c’è qualcosa che mi infastidisce, qualcosa che non riesco a sopportare ogni giorno della mia vita. Una cosa insostenibile. Altrimenti non si spiegherebbe la continua voglia di fuga (anche attraverso le abbuffate) , la stanchezza esagerata, la non voglia di andare avanti. Credevo fosse il viaggio in auto di ogni giorno per recarmi al lavoro.
Invece non è quello. Credo di essere arrivata alla conclusione, mio malgrado, e con tutto il rincrescimento del caso, che si tratti dell’ufficio. Non resisto nel restare qui seduta, inchiodata alla scrivania, fingendo di interessarmi a un lavoro che non mi interessa affatto. E’ ancora più brutto perché mi rendo conto di stare sputando nel piatto in cui mangio, ma non posso farci niente. È come un fremito che mi percorre mentre me ne sto qui seduta. Non posso immaginare che continui così per tutta la vita, per ancora 20 anni o più. Le mie gambe soffrono a restare ferme , io soffro nel non passare il mio tempo a fare le cose che davvero mi piacciono: leggere e scrivere per esempio, trarre considerazioni dalla lettura dei quotidiani , informarmi sulle novità e ascoltare musica. Cercare di imparare cose nuove. Sono scostante, ho degli atteggiamenti schizofrenici perché poi non riesco nemmeno a dedicare appieno la mia attenzione alle cose a cui vorrei dedicare attenzione. Mi metto a scrivere ma subito perdo il filo e mi annoio. Non mi interesso a niente realmente perché so che non riuscirei a fare nulla veramente. In questo periodo la cosa che mi fa davvero soffrire è chiudermi in ufficio per sei ore al giorno. Il part time non basta a lenire la sofferenza anche se è diminuita rispetto a quando lavoravo a tempo pieno. Mi ripeto che forse nella vita non ho ancora trovato la cosa che riesca davvero a interessarmi, ad avvincermi continuamente e non solo per un breve periodo. È anche vero che questo lavoro ormai lo faccio da 10 anni e non è poco, anche se quasi ogni anno ho cambiato mansioni, cliente, colleghi. Eppure mi è insostenibile. Vorrei avere questo tempo per me, per fare le cose che mi piacciono. Forse posso in fondo, ritagliando i minuti, le ore , all’ufficio tra un’attività e l’altra per fare la cosa che davvero mi fa stare bene: scrivere. Devo smetterla di ingannare me stessa trovando mille scuse per non farlo, dalla stanchezza alla mancanza di tempo, alla mancanza di idee, all’incapacità di seguire il filo se mi interrompo, alla mancanza di una bella scrivania da scrittore dove lasciare sempre acceso il mio pc in attesa che l’ispirazione mi colga per riversare tutto senza remore. Niente è facile, ogni risultato è una conquista, fosse anche solo scrivere una parola al giorno. Devo darmi una regola e una disciplina e quando non posso devo imparare a prendere appunti delle idee che mi vengono. Già ora mentre sto scrivendo questo cumulo di sciocchezze, sono felice. Mi sento più rilassata. Forse non ne farò mai il mio mestiere, ma mi farà davvero tanto bene. Se pubblicherò e chi leggerà penserà ‘la solita lagna’ non mi interessa. Sono una lagna il più delle volte, sono una rompiballe e tendo a piangermi addosso. Non mi interessa. Per mille lagne che faccio forse esce un pensiero buono e forte e tra mille e mille lagne son riuscita a fare nella vita ciò che tante altre persone non hanno il coraggio e la forza di fare. Sono fatta così, non posso farci nulla. Non mi interessa quello che sono ma quello che voglio diventare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna in rinascita

Chi non ha letto il bellissimo brano 'donne in rinascita' di Diego Cugia , o non l'ha mai sentito recitato da Fabio volo e musicato da 'parole e musica'? E' un brano perfetto, descrive le donne come nemmeno loro stesse riescono. A volte un miracolo consente questo tipo di empatia maschile nei nostri confronti. La realtà molto più spesso coincide con i rapporti uomo-donna spassosamente descritti da Luciana Littizzetto.
Si pensa sempre ad una donna in rinascita quando finisce un amore, ma io credo che la vera rinascita di una donna sia quando prende coscienza di se stessa e del suo valore e del fatto che l'unico vero amore della nostra vita siamo noi stessi, uomini o donne che siamo.
Solo chi ama veramente se stesso può amare il prossimo. 

Solo una donna che ha imparato (e se ce l'ha sempre avuto beata lei) un sincero, reale amore per se stessa può essere una buona compagna di vita e  una buona madre.

Ho rinvenuto questo blog come un reperto archeologico. 
Mi …

Vi presento il mio ufficio.......

Oggi in ufficio siamo ridotti a causa della neve. C’è un clima rilassato, forse proprio per la nevicata incombente, che fa tanto spirito natalizio e voglia di rallentare, di riprendere ritmi di vita in linea con la stagione. L’inverno è fatto per riposare: la terra riposa (almeno quest’anno, finalmente) sotto la meritata neve, gli animali riposano in letargo oppure rintanati aspettando il disgelo, le piante sono immobili risparmiando linfa ed energie in attesa del calore della primavera. Anche noi dovremmo rallentare ma non vogliamo sentirne ragione. Il lavoro deve essere costante durante ogni stagione indipendentemente dal freddo o dal caldo. Anche per me, che nella vita ho sempre sentito tanto forte il legame con la terra e la natura L.
Spesso mi chiedo cosa ci faccio qui, perché faccio questo lavoro che non mi appartiene, che non sento mio. Non posso non vedere il marcio che mi circonda.
Qui , nella scrivania di fianco, ci sono persone che adorano questo lavoro, che si divertono, si …

Mr X

Nel mio ufficio ci sono i consulenti, come me, i consulenti responsabili del gruppo (di consulenti ovviamente) e poi c’è il service manager, che supervisiona tutti i consulenti. Poi ci cono gli interni dell’azienda senza un aprticolare qualifica , ma che comunque sono un gradino sopra di noi solo per il fatto di essere interni, poi ci sono i capogruppo interni e il capo dei capogruppo e così via a salire fino al cielo....L’altro giorno un fornitore di servizi indice una call conference per informarci di un loro passaggio di versione e degli impatti che potremmo avere. A tal fine convoca il responsabile deputato interno, che a sua volta scarica verso il suo sottomesso che scarica verso il suo sottomesso che si ferma solo eprchè è il livello base, ma in un certo senso no perchè coinvolge me e un collega, cioè le ultime ruote del carro e così ci troviamo catapultati in call conference in inglese con questo interno (che d’ora in poi chiamerò X) che non solo non è nemmeno capace di esprime…