Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2007

Voglia di fuga

Ultimo giorno in ufficio, e poi ci si rivede tra BEN tre settimane......
Mi fa strano pensare che non potrò scrivere nemmeno qui perchè ho disdetto la linea a casa (troppo cara).
Così finalmente , dopo anni, stacco per un bel po' anche dalla 'rete' .......benedetta e maledetta rete........
Ho proprio bisogno di andare in ferie, di fare vacanza, di svagarmi. Ma riuscirò a svagarmi?
Fino a una settimana fa ne ero convinta mentre oggi sono completamente disorientata.
Il continuo rimuginare sulla lite di domenica mi sta guastando tutto....non dormo la notte, sono triste, continuo a immaginare A. con un'altra ..............e mi sento morire.
Ho una gran voglia di ripartire ma il dolore c'è ancora e ci son momenti che è davvero forte, sicuramente cambiare aria per un po' mi aiuterà.
E poi quando tornerò a casa farò le pulizie per bene e toglierò tutte le sue cose dalla MIA casa per ritrovarmi finalmente sola di fronte a me stessa.
Iniziare a prendersi cura di sè miglio…

domenica 22 luglio 2007

Ecco una data che rimarrà una pietra miliare nella mia vita. Anche quando non me la ricorderò con precisione, anche quando sarà passato tanto tempo. E' stato l'ultimo giorno (ma lo dico piano perchè la sfiga è sempre in agguato) di lavoro al ristorante, l'ultimo giorno in cui A. ha dormito da me, l'ultima domenica passata insieme. Abbiamo impacchettato le nostre cose al risto e le abbiamo riportate a casa, svuotato e spento i frigoriferi, ci siamo accomiatati dalla signora B. e dalla sua famiglia, proprio ora che è arrivata una nuova piccola nipotina. Era proprio dispiaciuta, lei che ci aiutava, e che ci rompeva (tanto) le scatole, sempre puntualmente nel momento sbagliato.......a volte ce la siamo un po' presa, spesso ci ridevamo sopra........una cara anziana signora rompiscatole. Difficilmente riuscirà a ricreare un rapporto così con altre persone. Anche M. era dispiaciuto, imbarazzato: mi ha guardata con mille cose da dire e non è riuscito ad aprire bocca. Tra m…

Donne in rinascita

Questo pezzo l'ho 'incontrato' un bel po' tempo fa in giro per la rete, su qualche altro blog di donna 'in rinascita'. Oggi non mi sento molto tale, ma......è molto bello e spero che sia di buon auspicio.
Un grazie di cuore a Diego Cugia per come ha saputo guardare dentro alle donne, diciamo che potrebbe essere l'alter ego letterario di 'Quello che le donne non dicono' di Enrico Ruggeri...ma con un pizzico di allegria in più.........


Donne in Rinascita, di Jack Folla

Più dei tramonti, più del volo di un uccello,
la cosa meravigliosa in assoluto
è una donna in rinascita.
Quando si rimette in piedi
dopo la catastrofe, dopo la caduta. Che uno dice: è finita.
No, non è mai finita per una donna.
Una donna si rialza sempre,
anche quando non ci crede, anche se non vuole.
Non parlo solo dei dolori immensi,
di quelle ferite da mina anti-uomo
che ti fa la morte o la malattia.
Parlo di te, che questo periodo non finisce più,
che ti stai giocando l'esistenza
in un lavoro …

Un anno dopo......

Mi rendo conto che il week end che ci siamo appena lasciati alle spalle ha segnato un punto fermo. Scoccano i rintocchi degli ultimi giorni al ristorante. Se tutto andrà bene a settembre entrerà il nuovo proprietario e per noi si concretizzerà una parola che negli ultimi due anni e mezzo è stata solo un concetto astratto : LIBERTÀ'.
Ognuno di noi tre sarà libero di seguire la propria strada e di avere di nuovo, finalmente, qualche giorno di libertà per riposare dal lavoro e dedicarsi agli affetti e agli interessi personali. Soprattutto io e A. ce ne andremo ognuno per la sua strada....separati per davvero finalmente.....dopo un anno dalla separazione legale. Fino ad oggi nulla è sostanzialmente cambiato. lui arrivava ogni fine settimana per lavorare al ristorante e si stabiliva da me, così stava anche con il piccolo.... Io ogni volta ero nervosa e carica di aspettative, lui ogni volta nervoso ed evasivo. Il bambino strafelice di vedere suo padre. Ora anche lui inizierà a vivere l…

Una data da ricordare......

11 luglio 2007: giornata 'STORICA'.

Tanto per cominciare questa mattina ho spento la sveglia puntata ad orario assurdo come sempre (la solita sindrome di onnipotenza…..) e mi sono riaddormentata SENZA IL MINIMO SENSO DI COLPA. Mi sono svegliata ‘tardissimo’ e invece di mettermi a correre per casa con le mani tra i capelli gridando (mentalmente, ovvio) ‘oddio ed ora come faccio!?!?!?!!?’ ho fatto la doccia e mi sono preparata il MIO caffè, poi ho svegliato mio figlio senza fargli fretta, gli ho preparato latte e brioche, abbiamo terminato la colazione e siamo usciti….con molta calma…..
E quindi??
R I V E L A Z I O N E ! ! ! !
I tempi di preparazione con angoscia da ritardo sono assolutamente IDENTICI ai tempi di preparazione in assoluto relax !!!!
Perché nessuno me l’ha mai detto??!?!?!?
Queste cose DEVONO diventare di dominio pubblico…..la gente deve sapere!!!!
Altro motivo, e decisamente non secondario, per ricordare la giornata di oggi è il mio Angioletto, che per la prima volta, …

10 luglio....

Mene sto qui, sera dopo sera, contorcendomi per la nausea dopo aver ingurgitato cibo-spazzatura che tortura il mio corpo e la mia mente, che mi costringono……sapendo che non vomiterò…..un altro modo per torturarmi e farmi del male………
Notte dopo notte resto sveglia rigirandomi nel letto. Facendo incubi non appena mi addormento.
Ho bisogno di ritrovare uno scorcio di serenità, una finestra che mi illumini la vita.
La solitudine mi pesa doppiamente. L’ho desiderata e quasi cercata ed ora ne sento tutto il peso e giuro a me stessa che non butterò mai più via l’amore di nessuno. Oggi voglio farmi forte dell’affetto di chi mi vuole bene. Non importa a che livello, quanto, con quanta intensità, ma sento l’affetto delle persone che mi stanno vicine anche solo con un messaggio o un pensiero.
Oggi mi faccio forte dei silenzi per affrontare la mia rabbia e l’incomprensione, non voglio più lottare contro i mulini a vento, voglio solo osservarli, esaminarli per smontarli mentalmente, pezzo dopo pezzo e…

IL PIÙ BELLO DEI MARI

" Il più bello dei mari è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti. E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto. " NAZIM HIKMET

....che cos'è l'amor.......

"E’ molto difficile amare veramente. Solo chi possiede un alto grado di consapevolezza può amare realmente. Amare significa lasciare all’altro la libertà di essere se stesso in ogni istante del proprio cammino insieme, ed esserne capaci implica aver raggiunto una maturità interiore tale da non temere neanche il venir meno dell’affetto o dell’interesse da parte dell’amato. Amare vuol dire desiderare la gioia del proprio amato senza porre alcuna condizione e senza aspettarsi nulla in cambio."