Passa ai contenuti principali

15 settembre 2007


Oggi è il mio anniversario di nozze, il sesto. Forse dovrei dire ‘sarebbe’ visto che non ho più un matrimonio, ma preferisco dire ‘è’……E’….
Penso a quello che fanno tutte le coppie felicemente sposate in queste ricorrenze: le aspettano con trepidazione forse, organizzano dei festeggiamenti, un regalo . Magari escono a cena , magari l’unica sera da soli dell’anno, ma escono per ricordare quello che viene universalmente definito come ‘il giorno più bello’.

Per me non fu sicuramente il giorno più bello della mia vita: l’ho sempre ricordato con una certa angoscia rivivendo la tensione di quel giorno.

Ridendo dicevo ‘ero fuori di testa’, ma in realtà era proprio così, per come ero ‘addobbata’, per l’attenzione di tutti su di me, per come avrei voluto che tutto fosse perfetto e tutto fu assolutamente imperfetto. Ma una cosa me la ricordo bene, una sola cosa che valeva la pena di ricordare: la cerimonia.

Il Parroco che celebrò la cerimonia, veramente ispirato e grandioso anche nelle sue pazze ‘coreografie’. Un vero show man…..un vero sant’uomo….
Quanto vorrei avere la registrazione delle sue parole , perché son certa che ci troverei, ci avrei trovato , nei momenti peggiori, tanto conforto e tanto incoraggiamento. Lui……ricordo cosa mi rispose quando gli dissi che se il cielo aveva messo una persona come A. sul mio cammino, allora qualcuno lassù aveva davvero pensato a me e mi aveva fatto uno splendido regalo. Lui rispose che se credevo in questo, allora avrei potuto ripagare portando nel migliore dei modi la croce che un giorno la vita mi avrebbe presentato, con tutta la forza di questa convinzione.
Non ho mai scordato quelle parole e cerco di farmi forza di quelle oggi.
E così….insomma….tutti festeggiano in qualche modo un anniversario. Ed io che faccio oggi? Oggi per me è il giorno in cui sono stata a comprare i buoni mensa per mio figlio che comincia la scuola materna, il giorno in cui sono ritornata a nuotare dopo anni e il ginocchio che ultimamente è un po’ ‘ballerino’ ha smesso di tormentarmi di dolore, il giorno in cui mi sono fatta un nuovo taglio di capelli. Il tutto senza riuscire a smettere di pensare, nemmeno per un attimo, che oggi è l’anniversario delle mie nozze. Che dovrei essere a festeggiare con mio marito, e invece stasera uscirò a mangiare sushi con un’amica. E la ringrazio per tirarmi fuori di casa perché altrimenti resterei in casa sola ad affogare nel mio dolore.
E lui cosa fa oggi? E stasera? Oggi aveva con lui nostro figlio e l’ha portato in gita in montagna. Ci avrà pensato? Si sarà ricordato? Forse l’ha rimosso, come ha rimosso tanti altri giorni di noi due insieme. Gli ho scritto qualche giorno fa che lo capisco, capisco il suo stato d’animo.
Ma anche se capisco non posso smettere di sentire quel groppo alla gola. E quel senso di impotenza che mi schiaccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna in rinascita

Chi non ha letto il bellissimo brano 'donne in rinascita' di Diego Cugia , o non l'ha mai sentito recitato da Fabio volo e musicato da 'parole e musica'? E' un brano perfetto, descrive le donne come nemmeno loro stesse riescono. A volte un miracolo consente questo tipo di empatia maschile nei nostri confronti. La realtà molto più spesso coincide con i rapporti uomo-donna spassosamente descritti da Luciana Littizzetto.
Si pensa sempre ad una donna in rinascita quando finisce un amore, ma io credo che la vera rinascita di una donna sia quando prende coscienza di se stessa e del suo valore e del fatto che l'unico vero amore della nostra vita siamo noi stessi, uomini o donne che siamo.
Solo chi ama veramente se stesso può amare il prossimo. 

Solo una donna che ha imparato (e se ce l'ha sempre avuto beata lei) un sincero, reale amore per se stessa può essere una buona compagna di vita e  una buona madre.

Ho rinvenuto questo blog come un reperto archeologico. 
Mi …

Vi presento il mio ufficio.......

Oggi in ufficio siamo ridotti a causa della neve. C’è un clima rilassato, forse proprio per la nevicata incombente, che fa tanto spirito natalizio e voglia di rallentare, di riprendere ritmi di vita in linea con la stagione. L’inverno è fatto per riposare: la terra riposa (almeno quest’anno, finalmente) sotto la meritata neve, gli animali riposano in letargo oppure rintanati aspettando il disgelo, le piante sono immobili risparmiando linfa ed energie in attesa del calore della primavera. Anche noi dovremmo rallentare ma non vogliamo sentirne ragione. Il lavoro deve essere costante durante ogni stagione indipendentemente dal freddo o dal caldo. Anche per me, che nella vita ho sempre sentito tanto forte il legame con la terra e la natura L.
Spesso mi chiedo cosa ci faccio qui, perché faccio questo lavoro che non mi appartiene, che non sento mio. Non posso non vedere il marcio che mi circonda.
Qui , nella scrivania di fianco, ci sono persone che adorano questo lavoro, che si divertono, si …

Mr X

Nel mio ufficio ci sono i consulenti, come me, i consulenti responsabili del gruppo (di consulenti ovviamente) e poi c’è il service manager, che supervisiona tutti i consulenti. Poi ci cono gli interni dell’azienda senza un aprticolare qualifica , ma che comunque sono un gradino sopra di noi solo per il fatto di essere interni, poi ci sono i capogruppo interni e il capo dei capogruppo e così via a salire fino al cielo....L’altro giorno un fornitore di servizi indice una call conference per informarci di un loro passaggio di versione e degli impatti che potremmo avere. A tal fine convoca il responsabile deputato interno, che a sua volta scarica verso il suo sottomesso che scarica verso il suo sottomesso che si ferma solo eprchè è il livello base, ma in un certo senso no perchè coinvolge me e un collega, cioè le ultime ruote del carro e così ci troviamo catapultati in call conference in inglese con questo interno (che d’ora in poi chiamerò X) che non solo non è nemmeno capace di esprime…