Passa ai contenuti principali

Li volevo MOSSI...........

Oggi tralascio la maschera di chi vuol sembrare intelligente per raccontare uno spaccato della mia vita. Ieri è stata una di quelle giornate che definire ‘bestiali’ è DECISAMENTE RIDUTTIVO. Beh iniziando dalla giornata in ufficio dove il clima non è proprio il massimo della vita. Il mio gruppo di lavoro è in dismissione, quindi aleggia una certa demoralizzazione, ma di questo voglio parlare altrove perché merita un intervento dedicato. Il fatto che da questo mese ho iniziato a lavorare con orario part-time non ha giovato poi alla mia posizione nel gruppo e quindi tendo ad essere esclusa dalle attività più onerose. Insomma mi annoio. Ma ieri ero contenta perché quando sono uscita alle 15 me ne stavo andando dalla parrucchiera a fare un bel cambio di look: volevo i capelli mossi. E sottolineo la parola MOSSI.
Era tutto sistemato: Edoardo con mia madre ed io a prendermi un po’ di tempo per me, come raccomanda ogni buona regola di recupero da una catastrofe emotiva.
E tutto è filato liscio fin verso le 18, quando la simpatica ragazza che si occupava di me al lavatesta, mi ha tolto i bigodini e fatto uno shampoo……la titolare del salone si è avvicinata e mi ha detto sorridendo:‘eh, sono belli ricci!’ . Io credo di aver strabuzzato gli occhi…..RICCI?? come RICCI??? Dal momento in cui sono entrata non ho fatto che ripetere ‘non li voglio ricci eh??’…..’non troppo ricci eh???’…….niente……come parlare con il muro. Mi hanno fatto la testa come il Cardinale Richeliau!!!!
Già, come andava di moda 20 anni fa, quando sembravamo tutti appartenenti alla tribù dei ‘riccioli infiniti’!!! Come mi facevo quando avevo 18 anni!!!
Ma ca…o!!!! Siamo nel nuovo millennio!!! Ormai tutti i parrucchieri usano milioni di prodotti ultrasofisticati per ottenere ogni genere di effetto sui capelli, quindi dovrebbe essere semplice creare un effetto di capello ‘mosso-ma-non-riccio’!!!!!!
E invece no: salone strafigo, arredo tecno, abiti firmati, riviste di tagli Aldo Coppola, ma a quanto pare non serve a nulla. Questa parrucchiera è rimasta all’età della pietra (cioè 20 anni fa) per quanto riguarda creare capelli mossi!!!
Mi portano davanti allo specchio e ….orrore!!! Vedo la mia faccia su una testa da pecora. Capelli ricci come quelli di un africano!! Dopo l’asciugatura con il mitico diffusore, la situazione peggiora ulteriormente…..i ricci si gonfiano, si increspano, prendono un volume assurdo. Le stesse ragazze mi guardano trattenendosi dalle risate. La titolare che vedendomi scontenta mi dice ‘ma allora perché hai voluto fare la permanente??’ (Dei del coiffage scagliatele un fulmine sul coppino, vi prego!). Io stessa sono sotto shock.
Quando esco dal negozio, dopo aver pagato un conto salato come non avrei mai immaginato, per la rovina totale dei miei poveri capelli, incrocio una ragazza che mi guarda e ride…… Aia……
Corro a casa sperando che nessuno che mi conosce mi incroci. Dovrei passare al negozio sotto casa per il latte e il pane ma non ce la faccio, mi nascondo a casa.
Apro distrattamente la cassetta della posta….un catalogo e…..due notifiche di raccomandata dai vigili di un paese dove passo ogni giorno!!!! NO……l’autovelox no! Un’altra volta! Già la scorsa primavera mi hanno beccata due volte!
Salgo in casa…..sembra tutto tranquillo. Mia madre mi annuncia che gli ha dato il primo ma non ancora il secondo. E già detesto la cosa perché non sopporto di far mangiare a rate un bambino (che è già svogliato a mangiare di suo). Poi mi da’ la grande notizia:
il bambino ha sporcato la poltrona con il pennarello. ‘Quale poltrona?’ dico io sempre in preda al caos totale , e lei ‘quella antica’……la poltrona antica????????? Corro a vedere….una riga che tiene mezzo sedile. Mi sento morire: ed ora chi la toglie? Sgrido il piccolo facendolo piangere e mi sento una strega. Congedo mia madre facendo mentalmente l’aggiornamento dell’elenco delle cose distrutte ogni volta che lei sta da me e domandandomi perché non succede mai quando sono io sola con il bimbo.

A proposito, anche lui era inorridito dai miei riccioli e mi ha detto ‘Mamma togli i riccioli!’. Poveretto…..
La serata com’è proseguita? Lavandomi i capelli e tentando di stirarli.
Questa mattina ho mandato un sms di aiuto ad un’amica e quando mi ha chiamata mi ha chiesto ‘ma sono ricci come Lenny Kravitz?’ ho meditato per un secondo e poi ho risposto ‘si!’. Ho cercato in soffitta il regola capelli senza trovarlo, e forse è un bene eprchè se l’avessi trovato mi sarei rapata a zero!
Per ora li ho legati e credo che ci resteranno per tanto, tanto tempo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna in rinascita

Chi non ha letto il bellissimo brano 'donne in rinascita' di Diego Cugia , o non l'ha mai sentito recitato da Fabio volo e musicato da 'parole e musica'? E' un brano perfetto, descrive le donne come nemmeno loro stesse riescono. A volte un miracolo consente questo tipo di empatia maschile nei nostri confronti. La realtà molto più spesso coincide con i rapporti uomo-donna spassosamente descritti da Luciana Littizzetto.
Si pensa sempre ad una donna in rinascita quando finisce un amore, ma io credo che la vera rinascita di una donna sia quando prende coscienza di se stessa e del suo valore e del fatto che l'unico vero amore della nostra vita siamo noi stessi, uomini o donne che siamo.
Solo chi ama veramente se stesso può amare il prossimo. 

Solo una donna che ha imparato (e se ce l'ha sempre avuto beata lei) un sincero, reale amore per se stessa può essere una buona compagna di vita e  una buona madre.

Ho rinvenuto questo blog come un reperto archeologico. 
Mi …

Vi presento il mio ufficio.......

Oggi in ufficio siamo ridotti a causa della neve. C’è un clima rilassato, forse proprio per la nevicata incombente, che fa tanto spirito natalizio e voglia di rallentare, di riprendere ritmi di vita in linea con la stagione. L’inverno è fatto per riposare: la terra riposa (almeno quest’anno, finalmente) sotto la meritata neve, gli animali riposano in letargo oppure rintanati aspettando il disgelo, le piante sono immobili risparmiando linfa ed energie in attesa del calore della primavera. Anche noi dovremmo rallentare ma non vogliamo sentirne ragione. Il lavoro deve essere costante durante ogni stagione indipendentemente dal freddo o dal caldo. Anche per me, che nella vita ho sempre sentito tanto forte il legame con la terra e la natura L.
Spesso mi chiedo cosa ci faccio qui, perché faccio questo lavoro che non mi appartiene, che non sento mio. Non posso non vedere il marcio che mi circonda.
Qui , nella scrivania di fianco, ci sono persone che adorano questo lavoro, che si divertono, si …

Mr X

Nel mio ufficio ci sono i consulenti, come me, i consulenti responsabili del gruppo (di consulenti ovviamente) e poi c’è il service manager, che supervisiona tutti i consulenti. Poi ci cono gli interni dell’azienda senza un aprticolare qualifica , ma che comunque sono un gradino sopra di noi solo per il fatto di essere interni, poi ci sono i capogruppo interni e il capo dei capogruppo e così via a salire fino al cielo....L’altro giorno un fornitore di servizi indice una call conference per informarci di un loro passaggio di versione e degli impatti che potremmo avere. A tal fine convoca il responsabile deputato interno, che a sua volta scarica verso il suo sottomesso che scarica verso il suo sottomesso che si ferma solo eprchè è il livello base, ma in un certo senso no perchè coinvolge me e un collega, cioè le ultime ruote del carro e così ci troviamo catapultati in call conference in inglese con questo interno (che d’ora in poi chiamerò X) che non solo non è nemmeno capace di esprime…