Passa ai contenuti principali

Un anno dopo......

Mi rendo conto che il week end che ci siamo appena lasciati alle spalle ha segnato un punto fermo. Scoccano i rintocchi degli ultimi giorni al ristorante. Se tutto andrà bene a settembre entrerà il nuovo proprietario e per noi si concretizzerà una parola che negli ultimi due anni e mezzo è stata solo un concetto astratto : LIBERTÀ' .
Ognuno di noi tre sarà libero di seguire la propria strada e di avere di nuovo, finalmente, qualche giorno di libertà per riposare dal lavoro e dedicarsi agli affetti e agli interessi personali. Soprattutto io e A. ce ne andremo ognuno per la sua strada....separati per davvero finalmente.....dopo un anno dalla separazione legale. Fino ad oggi nulla è sostanzialmente cambiato. lui arrivava ogni fine settimana per lavorare al ristorante e si stabiliva da me, così stava anche con il piccolo.... Io ogni volta ero nervosa e carica di aspettative, lui ogni volta nervoso ed evasivo. Il bambino strafelice di vedere suo padre. Ora anche lui inizierà a vivere la separazione trasferendosi a w.e. alterni dal papà. Farei di tutto per evitargli questa esperienza, ma non ho nessun potere di farlo. Lui ha deciso, ha portato avanti la sua decisione, continua a farlo. A un anno dalla separazione sentivo di voler fare con lui il punto della situazione: una separazione non è un divorzio....c'è tempo per capire se si vuole portare avanti o meno la separazione. Per me, e l'ho capito con molta sofferenza, è stato un errore. Ho capito tante cose, forse proprio grazie alla rottura provocata dalla separazione. Ho capito che cosa è davvero importante per me. Ora sto imparando a camminare da sola e spero che un giorno ci sia di nuovo un punto di incontro con lui.
Ma per lui non è così: lui da un anno è sereno e sta bene solo e non ha nessuna intenzione di cercare un punto di incontro.
L'ironia ha voluto che proprio in questo giorno di 'verifiche' per me, siano successe altre cose che hanno contribuito, sicuramente, a fare per davvero un 'punto della situazione'. E' venuta a pranzo la sua collega-miglioreamica che rivedevo per la prima volta dopo tanto tempo.......e complice questa visita ho capito altre cose, parlando per la prima volta da sola , da tanto tempo, a quattr'occhi con A. Ho trovato la forza di parlargli per evitare di tenermi tutto dentro e starci troppo male. Alla fine mi sentivo sollevata........abbiamo sviscerato la situazione. Entrambi desideriamo fortemente la fine di questa 'convivenza forzata': lui per evitare di stanziare da me , io per evitare di averlo vicino senza poterlo in nessun modo 'toccare'. Abbiamo riconosciuto insieme gli errori del passato...che hanno portato alla rottura del nostro rapporto....quanto dolore, quanti sbagli! Eppure tra noi c'era autentica magia......
E poi ci siamo detti le cose che ho scritto sopra: io desidero rivedere le cose e lui no. Non c'è altro da dire....se non che credo di essermi resa conto per la prima volta che lui mi mente ....1000 punti persi......decisamente la sua figura oggi mi risulta molto ridimensionata. Lo metto quasi sullo stesso piano di ........tutti gli altri uomini bugiardi e opportunisti. Per quanto possa essere patetico, per me la sincerità è un valore, nel bene e nel male. E lui lo sa.
Purtroppo questo non spegne l'interruttore del mio cuore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donna in rinascita

Chi non ha letto il bellissimo brano 'donne in rinascita' di Diego Cugia , o non l'ha mai sentito recitato da Fabio volo e musicato da 'parole e musica'? E' un brano perfetto, descrive le donne come nemmeno loro stesse riescono. A volte un miracolo consente questo tipo di empatia maschile nei nostri confronti. La realtà molto più spesso coincide con i rapporti uomo-donna spassosamente descritti da Luciana Littizzetto.
Si pensa sempre ad una donna in rinascita quando finisce un amore, ma io credo che la vera rinascita di una donna sia quando prende coscienza di se stessa e del suo valore e del fatto che l'unico vero amore della nostra vita siamo noi stessi, uomini o donne che siamo.
Solo chi ama veramente se stesso può amare il prossimo. 

Solo una donna che ha imparato (e se ce l'ha sempre avuto beata lei) un sincero, reale amore per se stessa può essere una buona compagna di vita e  una buona madre.

Ho rinvenuto questo blog come un reperto archeologico. 
Mi …

Vi presento il mio ufficio.......

Oggi in ufficio siamo ridotti a causa della neve. C’è un clima rilassato, forse proprio per la nevicata incombente, che fa tanto spirito natalizio e voglia di rallentare, di riprendere ritmi di vita in linea con la stagione. L’inverno è fatto per riposare: la terra riposa (almeno quest’anno, finalmente) sotto la meritata neve, gli animali riposano in letargo oppure rintanati aspettando il disgelo, le piante sono immobili risparmiando linfa ed energie in attesa del calore della primavera. Anche noi dovremmo rallentare ma non vogliamo sentirne ragione. Il lavoro deve essere costante durante ogni stagione indipendentemente dal freddo o dal caldo. Anche per me, che nella vita ho sempre sentito tanto forte il legame con la terra e la natura L.
Spesso mi chiedo cosa ci faccio qui, perché faccio questo lavoro che non mi appartiene, che non sento mio. Non posso non vedere il marcio che mi circonda.
Qui , nella scrivania di fianco, ci sono persone che adorano questo lavoro, che si divertono, si …

Mr X

Nel mio ufficio ci sono i consulenti, come me, i consulenti responsabili del gruppo (di consulenti ovviamente) e poi c’è il service manager, che supervisiona tutti i consulenti. Poi ci cono gli interni dell’azienda senza un aprticolare qualifica , ma che comunque sono un gradino sopra di noi solo per il fatto di essere interni, poi ci sono i capogruppo interni e il capo dei capogruppo e così via a salire fino al cielo....L’altro giorno un fornitore di servizi indice una call conference per informarci di un loro passaggio di versione e degli impatti che potremmo avere. A tal fine convoca il responsabile deputato interno, che a sua volta scarica verso il suo sottomesso che scarica verso il suo sottomesso che si ferma solo eprchè è il livello base, ma in un certo senso no perchè coinvolge me e un collega, cioè le ultime ruote del carro e così ci troviamo catapultati in call conference in inglese con questo interno (che d’ora in poi chiamerò X) che non solo non è nemmeno capace di esprime…